AF - Elettromeccanica F. Arduini AF - Elettromeccanica F. Arduini
Chi siamo Prodotti Come raggiungerci Contattaci Home Page

Motori a collettore universali - serie S.T. a spazzole fisse

Serie SFS, STS, I
Serie ST a spazzole fisse
Serie STA
Serie STA a spazzole orientabili
Serie VSF
Serie motori e pulitrici
Serie MP
Serie I Incorporabili
Serie CVE
Serie AFMC
Serie ST a spazzole fisse

 

 

PARTICOLARITA' ED IMPIEGHI PRINCIPALI

Scarica il file PDF
Clicca qui

Area download
Archivio

Acrobat Reader 4.0

 

Torna su

I motori di questa serie sono del tipo monofase a collettore (cosiddetti universali) con eccitazione serie, adatti a funzionare sia con alimentazione in corrente alternata, sia in corrente continua. Essi possono essere allacciati direttamente alla normale rete monofase di uso domestico. 
Per le loro particolari caratteristiche di funzionamento, questi motori trovano largo impiego nelle applicazioni che richiedono elevate velocità, forte coppia di spunto, bassa corrente all’avviamento e facilità di regolazione della velocità.

Indichiamo alcuni esempi di applicazioni:
• macchine per cucire di uso artigianale e industriale
• macchine per la riproduzione dei disegni
• bobinatrici per l’industria elettromeccanica
• apparecchi per laboratori chimici e industriali
• macchine utensili per piccola e media meccanica
• pompe per impianti di uso domestico
• impianti con comandi a regolazione automatica

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
La costruzione di questi motori è protetta auto-ventilata, corrispondente al grado I.P. 22.

ROTORE
L’avvolgimento è impregnato in vernice isolante termoindurente essicata in
forno a ciclo continuo. Il collettore è formato da lamelle in lega rame-argento, isolate e blindate da resina termoindurente ottenuta a caldo sotto pressione.

SCUDI E CARCASSE
Gli scudi e le carcasse sono in lega di alluminio con aperture per permettere una efficace ventilazione degli avvolgimenti e del collettore

CUSCINETTI
Sono a sfere a gole profonde, adatti per consentire il funzionamento del motore anche in posizione verticale ed alle velocità elevate.

VENTILAZIONE
La ventilazione è realizzata da una ventola centrifuga calettata sul rotore nel-
l’interno del motore sul lato opposto al collettore.

SPAZZOLE
Le spazzole, in numero di due, sono disposte a 180° sullo scudo lato opposto
comando, entro tubetti isolanti che contengono anche le molle premispazzole ed i cappucci ad incastro per assicurare il contatto fra le spazzole e il tubetto portaspazzole.
Le spazzole sono accessibili dall’esterno del motore mediante tappi avvitati sui
tubetti portaspazzole.

FORMA COSTRUTTIVA
I motori vengono costruiti normalmente con base (forma B.3) [PDF].
Su richiesta è possibile fornire i motori con attacco a flangia (forma B.5)
[PDF].

PULEGGIA
Normalmente i motori vengono forniti con una puleggia di ottone a gola trapezoidale.

TENSIONE-FREQUENZA
La tensione normale di costruzione é di 220 Volt.
La frequenza normale è di 50 HZ. I motori possono essere costruiti anche per tensioni diverse nei valori compresi fra 48 e 220 Volt. I motori possono essere costruiti anche per alimentazione in corrente continua.
In quest’ultimo caso possono essere forniti anche con eccitazione separata; la tensione massima di costruzione è 110 Volt.

COPPIA E CORRENTE DI AVVIAMENTO
La coppia di avviamento è di circa due volte la coppia normale di pieno carico. La corrente assorbita all’avviamento è di circa due volte la corrente di pieno carico.

FUNZIONAMENTO A VUOTO
Questi motori, per la loro caratteristica di eccitazione serie, non possono funzionare a vuoto, cioè privi di carico, perchè, in tale condizione, la velocità potrebbe assumere valori pericolosi.

SENSO DI ROTAZIONE
La rotazione normale è antioraria guardando il motore dal lato sporgenza albero (lato comando). Su richiesta è possibile fornire i motori con rotazione oraria oppure con doppio senso di rotazione. In quest’ultimo caso i motori possono essere forniti con tre cavetti (inversione di marcia con doppio campo) oppure con quattro cavetti (inversione di marcia con unico campo di eccitazione). I motori con doppio senso di rotazione subiscono una riduzione di potenza e precisamente:
• 10% per i motori con quattro cavetti
• 25% per i motori con tre cavetti

RISPONDENZA ALLE NORME
I motori rispondono alle norme:
CEI - 2-4 1957
CEI - 2-3 1988

..

© 2000 - Elettromeccanica F. Arduini srl - Tutti i diritti riservati

[chi siamo] [prodotti] [come raggiungerci] [contattaci] [home]

Web Design: Penna G&C